Regola del 2%

DEFINIZIONE della "regola del 2%"

Una pratica di negoziazione in cui un investitore dovrebbe concentrare non più del 2% del capitale disponibile su un singolo scambio. Per rispettare la regola del 2%, un investitore calcola innanzitutto il 2% del capitale commerciale disponibile, chiamato capitale a rischio. Le commissioni di intermediazione per l'acquisto e la vendita di azioni sono poi incluse nel capitale a rischio e questa cifra è divisa per il prezzo corrente. La cifra risultante è l'ammontare complessivo delle azioni che possono essere acquistate. Se le condizioni di mercato cambiano e comportano che il trader perde il valore complessivo di tale scambio, l'esposizione negativa è solo del 2%, poiché il valore dell'operazione iniziale era limitato al 2% dell'ammontare complessivo del capitale di negoziazione disponibile.