Riserva contemporanea

DEFINIZIONE delle "Riserve contemporanee"

Una forma di contabilità delle banche che richiede che una banca mantenga sufficienti riserve per coprire tutti i depositi fatti quella settimana. L'utilizzo della contabilità delle riserve contemporanee è stato progettato per ridurre le fluttuazioni monetarie a breve termine. La Federal Reserve ha richiesto alle banche di utilizzare la contabilità di riserva contemporanea tra il 1984 e il 1998.

RISCALDAMENTO "Riserve contemporanee"

Le riserve contemporanee sono difficili da calcolare per le banche perché non possono essere sicure della quantità di depositi che riceveranno durante la settimana. Ciò obbliga le banche a valutare l'ammontare dei depositi, il che crea il rischio di prevedere erroneamente le previsioni.

La creazione del requisito è stata in risposta alle pressioni sull'offerta di moneta che alcuni economisti credevano fosse causata dal metodo di contabilizzazione delle riserve ritardate che le banche stavano utilizzando all'epoca. I requisiti di riserva ritardati hanno consentito alle banche di stimare le riserve basate sui depositi delle due settimane precedenti. Gli economisti hanno ipotizzato che le banche stessero creando depositi e prestiti con finanziamenti insufficienti e che le banche si sentissero sicure di fare queste mosse perché sapevano che la Federal Reserve avrebbe prestato denaro alla finestra di sconto se avessero guai.

Nonostante l'obbligo di riserva contemporanea, le banche continuavano a guadagnare stime e gli indicatori di fornitura di moneta come M1 e M2 mantenevano fluttuanti.