Disprezzo della Corte

DEFINIZIONE del "disprezzo della Corte"

Il disprezzo della Corte è un atto di mancanza di rispetto o di disobbedienza nei confronti di un funzionario della corte o interferenza con il suo ordinato processo. Il disprezzo della Corte ha quattro elementi essenziali ai sensi del titolo 18 del codice degli Stati Uniti - comportamento sleale di una persona; in o vicino alla presenza del tribunale; che ostacola l'amministrazione della giustizia; e si impegna con il grado richiesto di intenti criminali.

I giudici hanno una grande latitudine nel decidere chi detenere in disprezzo del tribunale, nonché il tipo di disprezzo. Un atto di mancanza di rispetto, di disobbedienza, di sfiducia o di interferenza di una delle parti coinvolte in un procedimento legale - dai testimoni e dagli imputati, dai giurati e dagli avvocati - può essere considerato come disprezzo di corte.

Il caso di Martin A. Armstrong è un famoso esempio di disprezzo penale di corte. Armstrong, ex consigliere finanziario che ha fondato un'impresa conosciuta come Princeton Economics International, è stata accusata di un programma di Ponzi da 3 miliardi di dollari da parte del governo U. in una causa civile di frode di titoli. Nel gennaio 2000 fu ordinato da un giudice federale di rivolgersi al governo per circa 15 milioni di dollari in barre d'oro, monete rare e antichità. Armstrong ha affermato di non avere i beni e la sua ripetuta incapacità di produrre li ha portati a essere condannato per sette anni per disprezzo delle spese giudiziarie. Nell'aprile 2007, Armstrong è stato condannato a cinque anni di carcere dopo aver dichiarato colpevole di un conte di cospirazione per nascondere le perdite di negoziazione che ammontano a centinaia di milioni di dollari. Fu rilasciato dalla prigione nel marzo 2011.

La crescita esponenziale nell'utilizzo di strumenti online e di social media ha portato a nuove sfide per il sistema giudiziario. Al fine di assicurare l'imparzialità della giuria ed evitare la possibilità di un mistrial, i tribunali hanno sempre insegnato ai giurati di astenersi dalla richiesta di informazioni sui casi, a parte le prove presentate in fase di processo, nonché di evitare la comunicazione di un caso prima di giungere ad un verdetto. Uno studio legale di Reuters nel 2010 ha scoperto che dal 1999, almeno 90 verdetti negli Stati Uniti sono stati oggetto di sfide a causa di comportamenti illegali connessi a Internet da parte dei giurati.

Negli ultimi anni, i giurati sono stati incarcerati per disprezzo del tribunale per l'utilizzo di Internet durante la loro attività nella giuria.Nel 2011, un giurista nel Regno Unito è stato imprigionato per otto mesi, diventando il primo giurista del paese ad essere perseguito per disprezzo giudiziario su Internet, dopo aver scambiato messaggi con un convenuto su Facebook, causando un processo di più milioni di sterline collassare. Nel 2013, due giurati nel Regno Unito sono stati imprigionati due mesi per disprezzo delle spese giudiziarie, dopo che una di loro ha fatto commenti su Facebook riguardo al convenuto, mentre l'altra ha condotto una ricerca online sul caso in cui era coinvolto come un giurista.