Proxy Vote

Che cos'è un 'voto proxy'

Un voto proxy è un ballot cast da una persona per conto di un azionista di una società che preferirebbe votare in proxy rispetto ad una riunione di azionisti. Gli azionisti riceveranno un bollettino proxy nella posta insieme a un libretto informativo denominato dichiarazione proxy che descrive le questioni da votare, come l'elezione di amministratori al consiglio, l'approvazione di una fusione o l'acquisizione e l'approvazione di un piano di compensazione azionaria. Le società di gestione degli investimenti registrati possono anche esercitare voti proxy per i titoli nei loro portafogli, ad esempio per conto di azionisti di fondi comuni.

RIPRISTINO 'Proxy Vote'

il modo in cui le società quotate in borsa riportano le loro attività agli azionisti è attraverso incontri annuali. Prima di tali riunioni, gli azionisti ricevono informazioni sulla proprietà delle azioni, sulla struttura del consiglio di amministrazione (BOD), sul salario e sui benefici esecutivi e su altre informazioni pertinenti da votare durante la riunione. Gli investitori che detengono azioni a partire dalla data di registrazione della società possono votare in occasione delle riunioni. L'impresa o l'intermediario o la banca dell'investitore inviano ogni informazione degli azionisti affermando se i materiali proxy sono disponibili online, che include in genere un rapporto annuale, una dichiarazione proxy e una scheda proxy con istruzioni di voto. In alternativa, gli investitori ricevono un pacchetto contenente solo una relazione annuale e una scheda informativa.

Votazione per proxy

Invece di assistere fisicamente alla riunione degli azionisti, la maggior parte degli investitori votano per proxy. Ogni azionista designa qualcun altro, ad esempio un membro del team di gestione della società, per votare in linea con le indicazioni dell'azionista come scritto sulla carta proxy. La dichiarazione dei delegati può richiedere che gli azionisti approvino la relazione del revisore, il direttore esecutivo, l'elezione di amministratori o questioni più complesse come i piani di stock option, le fusioni e le acquisizioni o altre risoluzioni.

I voti proxy possono essere inviati per posta, telefono o internet prima del tempo di interruzione, tipicamente 24 ore prima della riunione degli azionisti. Le risposte possono includere "Per", "Contro", "Assenza" o "Non votato", e possono essere modificate prima della scadenza.

Votazione pluralità e voto di maggioranza

Quando si applica una pluralità di voti, il candidato vincitore ha semplicemente bisogno di più voti di un concorrente. Pertanto, un direttore inopportuno ha bisogno solo di un voto per essere eletto. Se gli azionisti si oppongono al candidato, possono trattenere i loro diritti di voto. Avere abbastanza voti trattenuti possono influenzare le scelte del BOD per la nomina di registi futuri.

Quando si applica una votazione di maggioranza, gli amministratori che riceve la maggioranza dei voti sono eletti.Poiché l'astenersi dal voto può o non influire sul fatto che sia eletto un amministratore, la dichiarazione del proxy dell'azienda deve precisare il modo in cui i voti astenuti o trattenuti influenzano i risultati della votazione.

Per le questioni che riguardano argomenti diversi dall'elezione dei dirigenti, come la votazione sulle proposte di azionisti, la maggioranza dei voti comporta tipicamente l'approvazione del problema. Come per la maggioranza, il risultato di astensione dal voto è divulgato nella dichiarazione del proxy della società.