Redlining

Che cosa è "Redlining"

Redlining è la pratica non etica in cui gli istituti finanziari lo rendono estremamente difficile o impossibile per i residenti di quartieri poveri della città interiore di prendere in prestito denaro, ottenere l'approvazione di un'ipoteca, fuori assicurazione o di accedere ad altri servizi finanziari a causa di una storia di elevati tassi di default. In questo caso, il rifiuto non tiene conto delle qualifiche e del merito di credito dell'individuo.

I tribunali hanno stabilito che la redlining è illegale quando le istituzioni di prestito utilizzano la razza come base per escludere il quartiere dall'accesso ai prestiti. Inoltre, il Fair Housing Act, che fa parte della legge sui diritti civili del 1968, vieta la discriminazione nei quartieri basati sulla loro composizione razziale. Tuttavia, la legge non vieta la ridistribuzione quando viene utilizzata per escludere quartieri o regioni in base a fattori geologici quali linee di guasto o zone di inondazione.

Mentre si scorge i quartieri o regioni basati sulla razza è illegale, le istituzioni di prestito possono prendere in considerazione legalmente fattori economici quando si prestano prestiti. Gli istituti di credito non sono tenuti ad approvare tutte le domande di prestito ai medesimi termini e possono imporre tassi più elevati o condizioni di rimborso più restrittive su alcuni mutuatari. Tuttavia, queste considerazioni devono basarsi su fattori economici e non possono basarsi sulla razza, sulla religione, sull'origine nazionale, sul sesso o sullo stato civile in base alla legge U. S..

Esempi di considerazioni legali

Le banche possono considerare legalmente i seguenti fattori se decidere se prestare i prestiti ai candidati e quali termini:

Storia dei crediti - I creditori possono legittimamente valutare merito di credito come determinato dai punteggi FICO e dalle relazioni da uffici di credito.

Reddito - I finanziatori possono considerare una fonte regolare di fondi di una ricorrente, che può includere redditi da lavoro, proprietà aziendali, investimenti o rendite.

Condizione immobiliare - Un istituto di credito può valutare la proprietà su cui sta facendo il prestito così come la condizione delle proprietà vicine. Queste valutazioni devono basarsi rigorosamente su considerazioni economiche.

Servizi di vicinato e servizi in città - I prestatori possono prendere in considerazione servizi che migliorano o si riducono al valore di una proprietà.

Il portafoglio dell'ente creditizio - Le istituzioni di prestito possono prendere in considerazione le loro esigenze per avere un portafoglio diversificato per regione, tipo di struttura e importo del prestito.

I finanziatori devono valutare ciascuno dei fattori di cui sopra, senza riguardo alla razza, alla religione, all'origine nazionale, al sesso o allo stato civile del richiedente.